IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET

Progetto

Inclusione socio-educativa negli ambienti ibridi di apprendimento

Linea di Ricerca:
«E-inclusion»

Periodo del progetto: 2017

Personale coinvolto
Ottavia Epifania
Chiara Fante
Fabrizio Ravicchio
Guglielmo Trentin
Vincenza Benigno - Responsabile

Inquadramento

Il progetto prevede la capitalizzazione dei risultati di ricerca raggiunti nell'ambito del progetto TRIS (Tecnologie di Rete e Inclusione Socio-educativa), sviluppato nel contesto di un Accordo Quadro tra  MIUR (Dip. Istruzione), Consiglio Nazionale delle Ricerche e Fondazione TIM. Si intendono avviare una serie di sperimentazioni attività sia formative per i docenti che per gli studenti basate sul "Modello Tris" orientato allo sviluppo di uno spazio di apprendimento ibrido teso (classe ibrida)  a favorire la progettazione e la gestione di una didattica inclusiva in una comunità scolastica con studenti con difficoltà alla normale frequenza scolastica.
In particolare, sarà dato ampio spazio ad attività tese a favorire e supportare la comunicazione e lo scambio tra gli studenti remoti, in quanto, l'assenza o la riduzione di relazioni sociali può essere fonte di ulteriore malessere psicologico dello studente homebound, considerando la tendenza a collaborare come dimensione fondamentale dell'essere umano.
Le attività di sperimentazione durante il primo anno saranno realizzate in una classe ibrida afferente alla scuola secondaria di I grado dove è presente una studentessa homebound.

Obiettivi

L'obiettivo generale del progetto è la sperimentazione e la messa a punto del modello di una classe ibrida orientata all'inclusione socio-educativa degli studenti non frequentanti.
Le attività saranno orientate a:
• Sperimentare gli strumenti e i setting tecnologici funzionali alla comunicazione e interazione remota continua per promuove processi di apprendimento inclusivi
• Promuovere contesti di apprendimento mediati dalle tecnologie di rete che favoriscano e supportano lo sviluppo delle Life Skills, con  particolare attenzione a quelle relazionali

Attività prevista

Sono previste le seguenti attività:
• Rilevare l'uso e la frequenza di alcuni applicativi di rete e dell'approccio metodologico prevalentemente adottato 
• Rilevare ulteriori bisogni formativi attraverso l'uso di questionari online
• Sviluppare percorsi tutoriali a distanza sulla base delle richieste formative emerse
• Monitorare il trasferimento delle competenze acquisite nel contesto professionale
• Valutare l'efficacia ed evidenziare le criticità per la trasferibilità

Risultati attesi

...