IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET

Eventi :: Archivio

02/02/2017 - 02/02/2020
Introduzione del Pensiero Computazionale nella scuola (CompuThink)

Nel corso dell’ultimo decennio, il pensiero computazionale e alcuni concetti ad esso correlati (quali ad esempio la programmazione, il coding, il pensiero algoritmico) sono stati oggetto di un’attenzione sempre maggiore anche in ambito educativo. Il rapporto scientifico "Developing Computational Thinking in Compulsory Education - Implications for policy and practice" fornisce una panoramica approfondita dei concetti chiave, delle caratterizzazioni e delle abilità collegate al pensiero computazionale nel contesto della scuola dell’obbligo. Lo studio ha coinvolto un’analisi estensiva e sistematica (su oltre 500 fonti) della letteratura accademica e grigia del settore, ma anche delle iniziative istituzionali e/o promosse dal basso (grassroots). Informazioni e documenti rilevanti sulle politiche relative all’introduzione del Pensiero Computazionale a scuola sono stati raccolti attraverso un’indagine che ha coinvolto (19) Ministeri dell’Educazione in Europa, Israele e Turchia. Infine, sono stati intervistati alcuni esperti e decisori politici che hanno fornito importanti testimonianze e indicazioni in relazione alle differenti modalità di integrazione del pensiero computazionale nei curricoli scolastici e/o in contesti di apprendimento informale. Il rapporto discute le esperienze più significative nel contesto della scuola dell’obbligo in Europa e sintetizza le principali evidenze raccolte, discutendo le implicazioni per le politiche e le pratiche educative. Lo studio sull’introduzione del pensiero computazionale nella scuola dell’obbligo (CompuThink), è stato progettato e finanziato dal Centro Comune di Ricerca (JRC) di Siviglia della Commissione Europea [link] ed è stato condotto dall’Istituto per le Tecnologie Didattiche del CNR (CNR-ITD) di Genova e da European Schoolnet (EUN).

  • Scarica la versione inglese del rapporto “Developing Computational thinking in compulsory education - Implications for policy and practice” [link]