Rivista TD Tecnologie Didattiche TD Magazine n. 35 TD Magazine n. 13 TD Magazine n. 36 TD Magazine n. 22 TD Magazine n. 4 TD Magazine n. 47 TD Magazine n. 65 TD Magazine n. 19 TD Magazine n. 48 TD Magazine n. 20 TD Magazine n. 46 TD Magazine n. 11 TD Magazine n. 44 TD Magazine n. 32 TD Magazine n. 53 TD Magazine n. 63 TD Magazine n. 18 TD Magazine n. 16 TD Magazine n. 14 TD Magazine n. 56

Progetto

WISE - Wiring Individualised Special Education

logo

WISE è un progetto FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base) del MIUR coordinato dall'ITD-CNR di Genova.

Inquadramento

La letteratura internazionale sulla Network-Based Education (NBE) indica come centrale il problema dell'individualizzazione degli interventi didattici in funzione delle esigenze conoscitive del discente e del suo stile di apprendimento, con focus particolare sugli aspetti pedagogici, cognitivi, tecnologici e gestionali.

Nella Special Education (SpEd) tali aspetti sono ancor più critici dato lo status, in genere unico, dello studente che finora ha indotto a ricerche calibrate su casi particolari lasciando irrisolti problemi, quali

  • la mancanza di approcci alla profilatura dello special-student;
  • la non idoneità degli odierni metodi di Instructional Design (ID) alla SpEd;
  • l'incapacità degli attuali LMS di far interagire su base semantica l'utente con le risorse messe a disposizione.

Obiettivi

WISE intende:

  • sviluppare un modello di profilatura dello special-student per la riconfigurabilità dinamica di sistemi SpEd adattivi;
  • sviluppare un modello di ID per la SpEd e annesso sistema CAID (Computer Assisted ID);
  • implementare, su attuali LMS, funzionalità orientate alla SpEd basate su agenti pedagogici, traduttori di gesti semantici, semplificatori dei contenuti;
  • sviluppare metodi e procedure per la misurazione di efficacia e ricadute dei suddetti modelli e tecnologie, integrati in un sistema di valutazione basato su standard internazionali.

WISE definirà anche un modello di rete ad alta qualificazione scientifica e di supporto agli operatori della SpEd con sviluppo di prototipi di Knowledge/Content Base condivise e sistemi di retrieval semantico. La rete mirerà a:

  • promuovere la ricerca su nuove metodologie e tecnologie didattiche in grado di modellarsi dinamicamente allo special student;
  • favorire la sostenibilità su ampia scala della NBSE;
  • potenziare l'ITD-CNR attraverso un'azione sinergica con le diverse UR estendendo via via la rete a omologhe strutture internazionali.

Attività prevista

Il contesto sperimentale è la Homebound SpEd per soggetti sia in età scolare/universitaria sia adulti.

La metodologia di ricerca parte dalla centralità del soggetto per poi definire le più efficaci strategie educative per lo studente e info-formative per chi interviene nella sua educazione.

Allo scopo WISE prevede:

  • un controllo dei risultati della ricerca attraverso sperimentazioni sul campo con canale d'interazione a due vie ricerca-utenza;
  • uno Steering Committee per eventuali riorientamenti del progetto;
  • un impianto di monitoraggio e valutazione a livello sia “micro” (singole azioni) sia “macro” (progetto complessivo)

Risultati attesi

WISE porterà:

  • al potenziamento delle attività di ricerca e di servizio sulla SpEd già in essere da decenni presso l'ITD;
  • a un sistema di supporto per i diversi attori della SpEd, sostenuto scientificamente dalla rete WISE, con annesso portale, impianto di monitoraggio e valutazione per ottimizzare e riorientare il funzionamento della rete e le sue strategie;
  • a prototipi di applicativi speciali NBE per:
    • la comunicazione studente-rete (traduzione di gesti semantici, semplificatore della complessità dei contenuti, accessibilità) ;
    • nuovi modelli concettuali NBSE basati sull'accesso personalizzato a materiali e attività di studio attraverso il knowledge/learner/educational modeling;
    • una Knowledge Base sulle conoscenze e le migliori pratiche nella SpeEd;
    • l'ottimizzazione delle risorse nell'individualizzazione dell'istruzione/formazione;
  • kit di auto-formazione sulla NBSE per gli stakeholder;
  • comunità professionali degli stakeholder.

I risultati di WISE, proprio perché funzionali a un contesto così complesso, avranno a maggior ragione ricadute nella NBE “normale” e in altri ambiti speciali: condizioni restrittive della libertà, minori e adulti stranieri con bisogno di istruzione/qualificazione professionale.

Risultati ottenuti

Il progetto, concluso nel novembre 2012, ha avuto come uscite:

  • un modello di catalogazione delle risorse e delle iniziative indirizzate alla HbSE;
  • un prototipo di aggregatore, funzionante su base semantica, di informazioni e conoscenze (Knowledge Hub) su progetti, iniziative, entità e attività formative legate alla HbSE;
  • una modellizzare dell’utenza del Knowledge Hub e più in generale della HbSE;
  • un modello di descrizione dei processi formativi nella HbSE;
  • un prototipo di sistema di supporto alla progettazione didattica personalizzata sui bisogni della HbSE (sistema ePEI) basato sui modelli di cui ai punti precedenti;
  • un corso online in autoistruzione per operatori e stakeholder della HbSE;
  • il lancio del social network Scuola a Casa sulle tematiche del progetto.

I risultati del progetto WISE sono descritti nel volume Reti e inclusione socio-educativa: il sistema di supporto WISE, Franco Angeli, Milano, 2012.

Collaborazioni

METID - Politecnico di Milano
http://www.metid.polimi.it/
Università di Firenze
Università di Macerata
http://www.unimc.it/
Università Cattolica del Sacro Cuore
http://www.unicatt.it/
Università di Salerno
http://www.unisa.it/