IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET

Progetto

WEL - Web Enhanced Learning

Linea di Ricerca:
«Modelli metodologie e strumenti per l'e-learning»

Periodo del progetto: 2008-2009

Personale coinvolto
Francesca Puddu
Manuela Repetto
Elisabetta Vallarino
Guglielmo Trentin - Responsabile

Inquadramento

Nell’istruzione universitaria, il docente, per sua natura disciplinarista, raramente ha occasione di entrare a contatto con le metodologie di progettazione didattica. La sua pedagogia è, per così dire, “spontanea”, legata cioè all’esperienza diretta, prima di studente poi di docente che, anno dopo anno, affina un proprio stile nel gestire il processo di insegnamento/apprendimento.
Ma se nella didattica d’aula tale “spontaneità” può anche essere ammessa, nell'adottare strategie di Technology Enhanced Learning (TEL), il docente non può prescindere dall’acquisire nozioni di instructional design e questo indipendentemente dall’approccio TEL che si intende usare (learning content driven, collaborative learning, blended learning). Nel TEL, infatti, è essenziale pianificare, per ciascun obiettivo formativo dichiarato, la strategia didattica più efficace per raggiungerlo con l’ausilio delle tecnologie.
Questo non significa che nel TEL un docente debba diventare un instructional designer. A lui/lei si continuerà a richiedere principalmente il ruolo di esperto disciplinare e di didattica di quella disciplina. Tuttavia, quanto più un docente è disposto ad assumere funzioni operative nella progettazione, sviluppo e conduzione di attività TEL, tanto più verrà innalzato il livello qualitativo del processo di insegnamento/apprendimento.

Obiettivi

WEL intende perseguire sue specifici obiettivi:

  • mettere a punto e sperimentare un modello per il trasferimento di conoscenze e competenze sulle metodiche di instructional design nei confronti di docenti universitari disciplinaristi;
  • studiare la correlazione fra disciplina e tipologie di attività TEL, ossia quanto gli aspetti disciplinari influenzino le scelte progettuali nell’adozione di approcci TEL.

Attività prevista

L’attività ha come ambito sperimentale il progetto UniRete dell’Università degli Studi di Genova e si basa su una collaborazione con il servizio AulaWeb dello stesso Ateneo.
Coerentemente con i suoi obiettivi, il progetto è articolato in due momenti chiave:

  • definizione di un modello formativo project-based sulle metodiche di instructional design (ID) del TEL e sua sperimentazione su un campione di circa 50 docenti dei 700 attualmente iscritti ad AulaWeb;
  • analisi degli orientamenti dei docenti nella scelta delle strategie TEL nell’ambito del proprio insegnamento; tale analisi è condotta sulla base dei colloqui periodici, previsti dal suddetto modello formativo, fra singolo docente coinvolto nella fase sperimentale di WEL e un co-designer (un ricercatore ITD) che lo affianca nella prima esperienza di progettazione TEL; l’affiancamento è ritenuto necessario per sensibilizzare il docente a usi del TEL a cui probabilmente non approderebbe per la scarsa esperienza/conoscenza delle pratiche di progettazione TEL.

Risultati attesi

I risultati che ci si attendono da WEL sono posizionabili su due piani distinti ancorché complementari:

  • il primo riguarda la “codifica” di un possibile percorso project-based di avvicinamento all’ID orientato al TEL; un percorso flessibile, privo di eccessivi tecnicismi e molto pragmatico;
  • il secondo è quello di evidenziare la correlazione che sussiste fra aspetti contenutistici di una certa disciplina e le corrispondenti scelte degli approcci TEL nel trattarla. In particolare ciò che ci si attende dalla ricerca è capire quanto l’adozione di un dato approccio è influenzata dalla scelta della strategia ritenuta migliore per raggiungere un dato obiettivo formativo o quanto piuttosto è imputabile a una tecnologia non ancora adeguata per trattare/gestire determinati contenuti disciplinari e/o determinate strategie didattiche. E, in questo secondo caso, suggerire le azioni migliorative da intraprendere per aumentare l’efficacia delle attuali tecnologie TEL.

Collaborazioni

Università di Genova
http://www.unige.it/