IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET IJET

Progetto

Kaleidoscope - SIG NLE

Lo Special Interest Group Narrative and Learning Environments (SIG NLE) di Kaleidoscope era focalizzato sull'applicazione della narrative negli ambienti di apprendimento. La narrativa è una forma espressiva innata negli esseri umani, usata per comunicare ed esprimersi, per organizzare e rappresentare conoscenza, organizzare e dare significato all'esperienza. Le possibilità offerte dall'ICT per la creazione di storie multimediali ha ulteriormente ampliato il potenziale educativo della narrativa, dando luogo ad una varietà di applicazioni informatiche in diversi campi di conoscenza.
Il SIG NLE aveva lo scopo di contribuire allo sviluppo di questo settore, che è ancora in una fase emergente, agevolando l'incontro e la collaborazione di esperti ed utenti, teorici ed applicativi. I suoi obiettivi principli erano: sviluppare l'uso degli NLE in campo educativo; stimolare l'interazione fra ricercatori, educatori, esperti di narratologia e studenti, in relazione all'uso della narrative negli ambienti di apprendimento; contribuire allo sviluppo di una classificazione per questi tipi di ambienti. Per raggiungere questi obiettivi, svariate attività sono state organizzate e concluse con successo:

  1. realizzazione di un ricco sito web, che potesse servire da punto di riferimento per i membri del SIG e di supporto all'attività, con collezioni di materiale bibliografico e di informazioni su applicazioni, progetti e convegni.
  2. Organizzazione di workshops e convegni, per dare la possibilità a persone con background diverso di incontrarsi e discutere problemi relativi agli NLE:
    1. 1st workshop on NLE (Lisbon, PT, giugno 2005);
    2. 1st AIED Workshop on NLE (nell'ambito della AIED Internat. Conference, Amsterdam, NL, luglio 2005)
    3. 2nd workshop on NLE (Palermo, IT, giugno 2006);
    4. 2nd AIED Workshop on NLE (nell'ambito della AIED Internat. Conference, Marina del Rey, CA, USA, luglio 2007);
    5. Symposium on "Learning through storification: Enhancing narrative learning environments with technology" (nell'ambito della EARLI Internat. Conference, Budapest, agosto 2007);
    6. 1st online working conference on NLE (settembre 2007).
  3. Organizzazione di 2 corsi online sugli NLE, rivolti a studenti di dottorato, per la Virtual Doctoral School di Kaleidoscope, coinvolgendo studenti ed esperti di diverse università europee, nonchè alcuni studenti di paesi extra-europei (Australia, USA, Canada); (ottobre-novembre 2006 e marzo-aprile 2007).
  4. Edizione del libro "Technology-mediated narrative environments for learning", basato su contributi dei membri del SIG NLE. Questo libro, il primo sui Narrative Learning Environments mai prodotto a livello internazionale, è stato pubblicato da SensePublishers, Rotterdam (NL) / Taipei (Taiwan).
  5. Edizione di uno special issue della rivista internazionale IJCEELL (JCR).
  6. Preparazione di 13 deliverables su vari aspetti degli NLE e dell'attività del SIG.
  7. Parecchie pubblicazioni sugli NLEs, fra cui merita ricordare un contributoper il Kaleidoscope's Legacy book, che raccoglie l'eredità scientifica della rete Kaleidoscope (pubblicato da Springer nel 2008).
  8. Apertura del SIG a partecipanti esterni a Kaleidoscope, per organizzare la continuazione di questo gruppo oltre la durata della rete.
  9. Un'ampia attività di disseminazione, presentando il SIG NLE in molti convegni internazionali e contribuendo diverse volte al bollettino di Kaleidoscope. Per questa attività di disseminazione, la coordinatrice del SIG NLE, Giuliana Dettori, ha ricevuto il premio Press and communication award da Kaleidoscope.

 

Hanno partecipato al comitato di rettivo del progetto :
Per l'intera durata
CNR Istituto per le Tecnologie Didattiche / Italy (Giuliana Dettori)
INESC-ID /Portugal (Ana Paiva)
Per qualche anno nel corso del progetto
Universitée de Liège / Belgium (Françoise Decortis)
Universität Köln /Germany (Karl Steffens)
University of Twente (Bregje de Vries)

Il numero di partecipanti al gruppo è costantemente aumentato durante Kaleidoscope, passando da 70 al primo anno a 118 alla fine, appartenenti a 42 istituzioni diverse i vari paesi d'Europa.